fbpx

Nota di credito: cos’è e come funziona

Le note di credito sono uno strumento molto importante per la corretta gestione delle fatture elettroniche. Ecco come non sbagliare.
nota di credito fattura elettronica

Contenuti

La nota di credito, spesso sottovalutata ma fondamentale nell’ambito della fatturazione elettronica, svolge un ruolo cruciale nella rettifica di errori e di importi errati. Vediamo quindi nel dettaglio cos’è, come funziona e quali sono le regole da seguire.

Cos’è una Nota di Credito?

La nota di credito è un documento contabile utilizzato per correggere l’importo di una fattura già emessa. In pratica, interviene quando si è emessa una fattura per un importo superiore a quello effettivamente dovuto dal cliente. Questo documento rettifica l’imponibile e, se necessario, anche l’IVA.

Come Funziona?

La nota di credito può annullare parzialmente o completamente una fattura emessa in precedenza.

Si emette tramite lo stesso software utilizzato per la fattura elettronica, seguendo lo stesso schema. In altre parole, in caso di contribuente in regime ordinario si emette una nota di credito con IVA, se si tratta di fatturazione elettronica per forfettari la nota sarà senza IVA.

Se il cliente ha già pagato la fattura errata, la nota di credito avvia il processo di restituzione parziale o totale dell’importo ricevuto.

Note di credito: 5 errori da evitare

Emettere una nota di credito (o nota di variazione) è un’operazione delicata che richiede precisione per evitare errori e contenziosi. Ecco cinque errori da non commettere assolutamente:

1. Numerazione errata: ogni nota di credito deve avere un numero progressivo univoco (diverso da quello delle fatture). Assicurarsi di utilizzare il numero corretto e di non ripeterlo in nessun caso.

2. Dati del cliente errati: controllare attentamente tutti i dati del cliente, come la ragione sociale, la partita IVA e l’indirizzo, per assicurarsi che siano corretti e corrispondano a quelli della fattura originaria da stornare.

3. Errore nella causale: la causale della nota di credito deve essere chiara, specifica e descrivere correttamente il motivo della variazione. Evitare espressioni generiche come “storno fattura” e fornire dettagli precisi sulla variazione apportata.

4. Importi errati: l’importo della nota di credito deve corrispondere esattamente alla variazione da applicare alla fattura originaria. Prestare attenzione al segno (positivo o negativo) e controllare la correttezza dei calcoli.

5. Mancata emissione entro i termini: secondo l’articolo 26 del D.P.R. 633/72, la nota di credito deve essere emessa entro 12 mesi dalla data di emissione della fattura errata per essere considerata valida. Superati questi termini, la nota di credito non è più valida e potrebbero scaturire sanzioni.

Oltre a questi errori da evitare, è importante ricordare che le note di credito devono essere emesse in formato elettronico e trasmesse al Sistema di Interscambio (SdI) dell’Agenzia delle Entrate.

Per emettere una nota di credito correttamente, è consigliabile utilizzare un software di fatturazione elettronica affidabile che guidi l’utente nella compilazione dei campi obbligatori e nella verifica dei dati inseriti. In caso di dubbi o incertezze, è sempre opportuno consultare un commercialista o un esperto di fatturazione elettronica.

A proposito, hai già provato il nostro software cloud per la fatturazione elettronica? Scegli Consulens, il tuo occhio esperto sul fisco.

Nota di credito su fattura già pagata

La nota di credito può essere generata utilizzando lo stesso programma di fatturazione utilizzato per la fattura originale. Tuttavia, come anticipato, deve seguire una numerazione diversa da quella della fattura, per garantire la corretta identificazione dei documenti contabili.

Quando ci si trova nella situazione di dover emettere una nota di credito su una fattura già pagata, è necessario gestire con attenzione il processo di storno dell’importo. Questo può essere parziale o totale, a seconda dell’entità dell’errore nella fattura originale e dell’importo pagato dal cliente.

Se l’errore nella fattura è di entità limitata e riguarda solo una parte dell’importo totale, si procederà ad emettere una nota di credito parziale, corrispondente alla differenza tra l’importo originale e quello corretto. In questo caso, sarà necessario restituire al cliente solo la parte dell’importo che è stata pagata in eccesso.

Se invece l’errore nella fattura è di entità maggiore e riguarda l’intero importo della fattura, si procederà con uno storno totale, annullando completamente la fattura originale e restituendo l’intero importo pagato dal cliente.

Indipendentemente dall’entità del storno, è fondamentale emettere la nota di credito con cura e precisione, indicando chiaramente i dettagli della fattura originale e il motivo della correzione. Questo documento servirà da prova della correzione effettuata e della restituzione dell’importo al cliente.

Emissione della Nota di Credito oltre l’Anno

Una domanda che ci viene spesso fatta è: nel caso in cui la nota di credito venga emessa l’anno successivo a quello della fattura errata (ma sempre entro i 12 mesi!) devo applicare nuovamente l’IVA? Questo caso si presenta quando, ad esempio, invii una fattura a novembre 2023 e ti appresti a correggere l’errore a gennaio 2024. Come comportarsi in questo caso? È presto detto.

Nota di credito fuori campo IVA

Quando emetti la nota di credito oltre l’anno non occorre applicare l’IVA, in quanto già pagata o detratta, In queste circostanze, la variazione deve essere eseguita fuori campo IVA. Nel documento, l’importo indicato deve riguardare solo la parte imponibile. Inoltre, è necessario specificare che si tratta di una “nota di credito non imponibile articolo 26 comma 3”.

Note di Credito: Vantaggi e Conclusione

La nota di credito è un elemento fondamentale nella gestione delle transazioni commerciali poiché offre diversi vantaggi:

  1. Correzione degli errori: permette di rettificare eventuali errori presenti nelle fatture emesse, come ad esempio importi errati o prodotti non consegnati.
  2. Trasparenza: contribuisce a mantenere un rapporto di fiducia con i clienti, dimostrando la volontà di risolvere eventuali incongruenze o errori nel processo di fatturazione.
  3. Conformità normativa: aiuta ad essere conformi alle normative fiscali, fornendo una documentazione precisa e accurata delle operazioni commerciali.
  4. Riduzione dei contenziosi: riduce il rischio di dispute o contenziosi con i clienti dovuti a errori nella fatturazione, contribuendo a preservare il rapporto commerciale e l’immagine dell’azienda.

In sintesi, la nota di credito svolge un ruolo cruciale nella corretta gestione delle transazioni commerciali, fornendo una solida base per una fatturazione precisa, trasparente e conforme alle normative vigenti.

Cosa aspetti?

Richiedi una consulenza

Paolo Lombardi
Un servizio super efficiente

Ormai è un anno che Consulens segue la contabilità della mia partita IVA e devo dire che sono molto soddisfatto. Claudio è un commercialista esperto e affidabile. Sono nel regime forfettario e adesso stiamo valutando di passare all’ordinario perché per fortuna le cose vanno bene.

Antonio Cozzolino
Ho aperto Partita IVA

Se è la prima volta che apri la partita IVA, è impossibile trovare di meglio. Consulenti specializzati e disponibili, pronti a risolvere ogni tuo dubbio e veloci nell’assisterti. Consiglio Consulens a tutti quelli che stanno pensando di fare questo passo.

Cliente
Molto Soddisfatto

Ho aperto Partita IVA 5 mesi fa e fino a questo momento mi sono trovato molto bene. Il commercialista è molto disponibile e mi segue a 360°. Quando ho bisogno del suo aiuto è sempre pronto a rispondermi. Consigliatissimo.

Carlo Modica
Professionalità e competenza

Buongiorno, quello che ho potuto apprezzare è l’estrema professionalità e correttezza da parte del professionista in tutte le fasi di dialogo dimostrando con le sue competenze la capacità di poter risolvere i problemi nel minor tempo possibile

Tatiana Menezes
Bravissimo nel guidarti

Bravissimo nel guidarti nella presa di decisioni giusta per il tuo business. Gentili e professionali!

Vittoria Giani
Conosciuti su Facebook

Conosciuti su Facebook.
Oltre l’offerta vantaggiosa della promozione, accertata rapidita’ nella comunicazione, disponibilita’ dello staff e soprattutto competenza.Grazie!

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *