fbpx

Sanzioni per invio tardivo di fatture elettroniche: come fare?

Quando l’emissione di una fattura elettronica si considera tardiva? Cosa bisogna fare per ridurre le sanzioni? Scopri tutto in questo articolo.

Contenuti

Nell’attuale contesto normativo, la fatturazione elettronica è diventata un obbligo per tutte le tipologie di regimi fiscali, comprese le partite IVA forfettarie. Questa modalità di emissione delle fatture non solo ha semplificato i processi amministrativi, ma è diventata un pilastro fondamentale nella gestione fiscale delle imprese. 

Tuttavia, il rispetto dei tempi e delle normative in materia di fatturazione elettronica è essenziale per evitare sanzioni e complicazioni fiscali. In questo contesto, è importante conoscere le implicazioni del ritardo nell’invio delle fatture elettroniche. Quali sono le sanzioni previste per la mancata emissione corretta o tempestiva di tali documenti? Che azioni correttive intraprendere? Continua a leggere questo articolo per scoprire come garantire la conformità fiscale e amministrativa della tua azienda o attività economica.

Ti ricordo che, se si tratta di fattura elettronica immediata, bisogna effettuare l’emissione entro i 12 giorni dall’operazione. La fattura elettronica differita deve essere invece emessa e registrata entro il 15° giorno del mese successivo. 

La trasmissione corretta delle fatture elettroniche al Sistema di Interscambio (SDI) è fondamentale per garantire la conformità fiscale e evitare complicazioni amministrative. La mancata trasmissione può comportare conseguenze come irregolarità fiscali, impossibilità di detrazione dell’IVA e possibili sanzioni.

Se non vuoi dover pensare a tutti gli adempimenti riguardanti la partita IVA e la fatturazione elettronica, chiedi a Consulens. Avrai a disposizione un commercialista esperto, che seguirà tutte le tue pratiche, e una piattaforma digitale connessa al SDI.

Sanzioni per il ritardo nell’invio delle fatture elettroniche

Entriamo subito nel vivo della questione. Quanto rischi di pagare se emetti fatture elettroniche in ritardo?

L’articolo 6, comma 1 del Decreto Legislativo 471/1997 prevede sanzioni specifiche in caso di violazioni riguardanti la registrazione o la fatturazione senza conseguenze sul calcolo dell’IVA. È importante notare che la normativa prevede sanzioni più severe nel caso in cui la mancata registrazione della fattura elettronica incida invece sul calcolo del reddito. 

Di seguito sono riportate le informazioni relative alle sanzioni:

  • Violazione registrazione o fatturazione senza conseguenze sul calcolo del reddito: le sanzioni previste variano da un minimo di 250 euro a un massimo di 2.000 euro, a seconda della gravità e della ricorrenza dell’infrazione.
  • Fattura elettronica o registrazione omessa, tardiva o errata con conseguenze sul calcolo del reddito: in questo caso, la sanzione può variare dal 90% al 180% dell’imposta evasa, con un importo minimo di 500 euro. Questa sanzione è più severa rispetto alla precedente e tiene conto della gravità dell’infrazione e del possibile impatto sull’evasione fiscale.

 

In entrambi i casi, è fondamentale rispettare scrupolosamente le disposizioni normative relative alla registrazione e alla fatturazione al fine di evitare sanzioni e conseguenze finanziarie per l’azienda.

Fatture elettroniche tardive: come fare?

Quando un’impresa si trova nella situazione di aver inviato in ritardo le proprie fatture elettroniche, esistono due possibilità:

  • regolarizzare la situazione attraverso il ravvedimento operoso
  • ricorrere al cumulo giuridico

Entrambe rappresentano dei metodi per ridurre l’impatto delle sanzioni.

Il ravvedimento operoso

Il ravvedimento operoso è un istituto previsto dalla normativa fiscale che consente agli operatori economici di correggere eventuali omissioni o irregolarità fiscali spontaneamente, senza incorrere in sanzioni più pesanti. In sostanza, rappresenta una sorta di “seconda chance” per regolarizzare la propria posizione fiscale e pagare eventuali imposte dovute con una penalità ridotta. Quanto prima si provvede, quanto più la sanzione sarà ridotta

Come funziona il ravvedimento operoso?

In base a quando si provvede, le sanzioni possono essere ridotte tramite il ravvedimento operoso. Prendiamo ad esempio una sanzione fissa di 250 euro. Questa riduzione può variare in base al tempestivo adempimento delle procedure:

  • Se entro 30 giorni dalla violazione, la riduzione è del 10%, pari a 25 euro.
  • Se entro 90 giorni dalla data di omissione o dell’errore, la riduzione è del 1/9, quindi circa 27,78 euro.
  • Se l’adempimento avviene entro il termine di presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione, la riduzione è del 1/8.
  • Se avviene entro il termine di presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno successivo, la riduzione è del 1/7.
  • Se avviene oltre il termine di presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno successivo, la riduzione è del 1/6.

 

Il cumulo giuridico

In alcuni casi può essere invece conveniente ricorrere all’istituto del cumulo giuridico (disciplinato dall’articolo 12 del Decreto legislativo n. 472/97). Se preferisci aspettare il provvedimento di irrogazione delle sanzioni dall’Agenzia delle Entrate, puoi infatti puntare a una riduzione di un terzo dell’importo dovuto rinunciando ad impugnare l’avviso. 

In genere, è vantaggioso ricorrere al cumulo giuridico (aspettando quindi il procedimento del Fisco) quando questa riguarda oltre nove fatture emesse in ritardo.

Conclusione

In questo articolo abbiamo fornito una panoramica delle implicazioni del ritardo nell’invio delle fatture elettroniche e sulle conseguenze della mancata emissione corretta o tempestiva di tali documenti. Ecco i punti chiave emersi:

Importanza del rispetto dei tempi. Rispettare le scadenze per l’emissione e l’invio delle fatture elettroniche è fondamentale per evitare sanzioni finanziarie e complicazioni fiscali. La normativa fiscale stabilisce termini precisi entro i quali le fatture devono essere emesse dopo la prestazione del servizio o la consegna del prodotto.

Sanzioni per il ritardo. Il mancato rispetto dei tempi di emissione delle fatture elettroniche può comportare sanzioni pecuniarie proporzionali all’importo non fatturato, con un limite massimo stabilito dalla normativa fiscale. Inoltre, il cliente privato potrebbe subire conseguenze come l’impossibilità di detrazione dell’IVA e rischi di contenzioso fiscale.

Ravvedimento operoso. In caso di invio tardivo delle fatture elettroniche, è possibile adottare il ravvedimento operoso come soluzione per regolarizzare la situazione, riducendo l’impatto delle sanzioni finanziarie.

In conclusione, rispettare i tempi e le normative in materia di fatturazione elettronica è essenziale per mantenere la correttezza fiscale, evitare sanzioni e complicazioni amministrative, e preservare la reputazione e la trasparenza dell’azienda. Mantenere un controllo accurato sui processi di fatturazione elettronica e adottare misure correttive tempestive sono fondamentali per garantire una gestione finanziaria efficiente e in linea con le normative vigenti. Per un approfondimento, leggi il nostro articolo sulla fatturazione elettronica per forfettari.

Cosa aspetti?

Richiedi una consulenza

Paolo Lombardi
Un servizio super efficiente

Ormai è un anno che Consulens segue la contabilità della mia partita IVA e devo dire che sono molto soddisfatto. Claudio è un commercialista esperto e affidabile. Sono nel regime forfettario e adesso stiamo valutando di passare all’ordinario perché per fortuna le cose vanno bene.

Antonio Cozzolino
Ho aperto Partita IVA

Se è la prima volta che apri la partita IVA, è impossibile trovare di meglio. Consulenti specializzati e disponibili, pronti a risolvere ogni tuo dubbio e veloci nell’assisterti. Consiglio Consulens a tutti quelli che stanno pensando di fare questo passo.

Cliente
Molto Soddisfatto

Ho aperto Partita IVA 5 mesi fa e fino a questo momento mi sono trovato molto bene. Il commercialista è molto disponibile e mi segue a 360°. Quando ho bisogno del suo aiuto è sempre pronto a rispondermi. Consigliatissimo.

Carlo Modica
Professionalità e competenza

Buongiorno, quello che ho potuto apprezzare è l’estrema professionalità e correttezza da parte del professionista in tutte le fasi di dialogo dimostrando con le sue competenze la capacità di poter risolvere i problemi nel minor tempo possibile

Tatiana Menezes
Bravissimo nel guidarti

Bravissimo nel guidarti nella presa di decisioni giusta per il tuo business. Gentili e professionali!

Vittoria Giani
Conosciuti su Facebook

Conosciuti su Facebook.
Oltre l’offerta vantaggiosa della promozione, accertata rapidita’ nella comunicazione, disponibilita’ dello staff e soprattutto competenza.Grazie!

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *