fbpx

I costi della partita IVA in regime forfettario: quanto spendo?

Quanto costa la Partita IVA forfettaria al mese? I costi possono variare a seconda del fatturato, ma in linea generale sono molto contenuti.

Contenuti

Consulenza gratuita Regime Forfettario

La partita IVA forfettaria è un regime fiscale agevolato che offre una serie di vantaggi, tra cui una tassazione agevolata e l’esonero dall’IVA. Tuttavia, come ogni regime fiscale, anche per il regime forfettario ci sono delle spese da sostenere.

È importante sapere cosa comporta aprire una nuova partita IVA. Lo stesso vale quando si passa a un regime fiscale diverso. Un punto fondamentale è conoscere in anticipo quanti e quali oneri si andranno a sostenere mensilmente.

Oltre ai costi legati allo svolgimento della tua attività economica – specifici per professione – ci sono naturalmente quelli relativi alla gestione della partita IVA. Ed è proprio di questi ultimi che ci occupiamo in questo articolo: quanto costa la Partita IVA forfettaria?

Partiamo dai costi di apertura.

Quanto costa aprire una partita IVA forfettaria?

Puoi aprire una partita IVA forfettaria o delegare il compito ad un commercialista. Solitamente i liberi professionisti optano per la seconda perché un contabile sarà comunque necessario per la gestione fiscale. In generale, è sempre consigliabile farsi assistere in tutte le fasi della procedura e nella gestione della contabilità. Se scegli un esperto di Consulens come tuo commercialista, potrai aprire la partita IVA in maniera totalmente gratuita.

Come già saprai, la partita IVA è il codice fiscale che identifica chi svolge una professione in proprio. È necessaria per molte delle operazioni essenziali allo svolgimento di una qualsiasi attività economica come l’emissione di fatture, il pagamento delle tasse e l’accesso ad agevolazioni fiscali. 

Ma quanto costa aprire la partita IVA forfettaria per un libero professionista? La risposta dipende da chi si occuperà di sbrigare la pratica.

1. Commercialista

La prima soluzione che viene in mente è senz’altro quella di contattare il proprio commercialista di fiducia, ammesso che tu ne abbia già uno, e chiedere a lui o lei. Prima di alzare il telefono, forse ti interesserà la risposta alla seguente domanda:

Costo del commercialista per apertura della partita IVA

Come ti abbiamo già anticipato, i costi per aprire una partita IVA dipendono dalle modalità con cui effettui le pratiche. Se decidi di aprirla autonomamente oppure con l’aiuto di Consulens, l’apertura della partita IVA è gratuita. Nel caso ci si rivolga a un professionista per lo svolgimento della pratica, il prezzo può variare in base a diversi fattori, come ad esempio:

  • la tipologia di attività; 
  • la complessità della pratica; 
  • la zona geografica. 

I costi di un commercialista per aprire partita IVA in genere si aggirano intorno ai 300-500 euro. Se si tratta del tuo commercialista di fiducia, il costo potrebbe anche essere ridotto.

2. Senza commercialista

Sono tante le operazioni che possono o meno richiedere l’intervento di un professionista. Ad esempio, se voglio fare un viaggio posso chiamare un’agenzia perché si occupi di tutto oppure navigare su internet per cercare i siti d’interesse della mia destinazione, prenotare alberghi, voli e spostamenti, e così via.

La prima opzione ha il vantaggio che, pagando, c’è qualcuno che gestirà le prenotazioni al posto mio. La seconda è più economica.

Qui vale la pena di sottolineare che, soprattutto quando si tratta di materia fiscale, è bene affidarsi a un professionista. Anche perché, se davvero vuoi metterti in proprio, di un commercialista presto o tardi avrai bisogno.

Anche perché la tua professione potrebbe avere delle peculiarità che solo un commercialista esperto è in grado di individuare. Questo vale sia che il tuo mestiere rientri in un ordine professionale, come quello del farmacista o dell’architetto, sia che sia prevista l’apertura di una normale posizione all’INPS (come per la partita IVA insegnanti).

C’è però una terza opzione che ti invitiamo a vagliare, e ne parliamo nel seguente paragrafo.

3. Aprire la partita IVA forfettaria gratis

Se ti affidi a un professionista, chiaramente non è possibile aprire la partita IVA online in modo totalmente gratuito. Puoi però affidare a Consulens la pratica sfruttando una delle offerte che periodicamente vengono proposte. In tal modo avrai la possibilità di risparmiare sui costi del commercialista, riducendo drasticamente i costi.

Inoltre, Consulens è una società di consulenza formata da esperti contabili specializzati in risparmio fiscale.

Se sceglierai di proseguire con noi, avrai quindi a disposizione un team di commercialisti in grado di individuare opportunità di riduzione del tuo carico fiscale. In questo modo avrai l’opportunità di risparmiare sulle tasse e ottimizzare la tua fiscalità. Potrai quindi investire il denaro risparmiato per espandere la tua attività e migliorare la competitività.

I costi della partita IVA forfettaria

I costi del regime forfettario possono variare in base alla natura e alle dimensioni dell’attività, ma solitamente includono:

  1. Costi fissi:

    • Contributi previdenziali: calcolati come una percentuale del fatturato dell’attività, devono essere versati all’INPS per la copertura pensionistica e sanitaria.
    • Imposte di bollo: da pagare per ogni fattura emessa di importo superiore a una certa soglia.
    • Eventuali contributi minimi previsti in caso di iscrizione a ordini professionali o casse previdenziali private.
  2. Costi variabili:

    • Quota forfettaria: un’imposta sostitutiva calcolata come una percentuale del fatturato, che varia a seconda del codice ATECO dell’attività svolta e dell’aliquota fiscale applicata.
    • Altri costi variabili dipendenti dalle specifiche dell’attività e dalle normative fiscali in vigore.
  3. Costi di gestione e amministrazione:

    • Eventuali costi legali o di consulenza per la gestione della contabilità e delle pratiche fiscali. Per ulteriori dettagli, leggi il nostro articolo sul costo del commercialista per forfettario.
    • Costi associati all’utilizzo di software di contabilità o servizi di supporto per la gestione amministrativa dell’attività.

 

È importante tenere presente che i costi del regime forfettario possono variare considerevolmente da un’attività all’altra e possono essere influenzati da diversi fattori, come il volume di fatturato, il settore di attività, la localizzazione geografica e le normative fiscali vigenti. È consigliabile consultare un commercialista o un esperto fiscale per valutare attentamente i costi specifici e le implicazioni finanziarie del regime forfettario per la propria attività. Per qualsiasi dubbio, chiedi a Consulens.

I costi mensili della partita IVA forfettaria

Entriamo più nel dettaglio dei costi mensili. Come calcolare quanto spenderai ogni mese per la tua partita IVA forfettaria?

Costi fissi mensili del libero professionista forfettario

Se non hai l’obbligo di iscriverti a una cassa privata, i contributi INPS sono pari a una percentuale degli incassi. Il 30 giugno dovrai versare il saldo dell’anno precedente e l’acconto di quello in corso; il 30 novembre pagherai il secondo acconto dell’anno corrente. I contributi non andrebbero quindi considerati fra i costi fissi.

Se ti iscrivi a un ordine professionale, ad esempio se hai la partita IVA medico, da psicologo o da veterinario, potrebbero tuttavia essere previsti dei contributi minimi.

Altro costo fisso da tenere in conto sono i 2€ di imposta di bollo da versare per ogni fattura elettronica di importo superiore ai 77,47€. Le imposte di bollo vanno pagate ogni tre mesi via F24.

Costi fissi mensili della ditta individuale forfettaria

I costi della ditta individuale forfettaria sono maggiori: oltre al diritto camerale annuale di 120€ e alle già citate imposte di bollo, bisogna versare contributi fissi di circa 3.600€ all’anno.

I costi fissi mensili della ditta individuale forfettaria possono includere:

  1. Contributi Previdenziali:

    • I contributi previdenziali sono calcolati come una percentuale del fatturato dell’attività e devono essere versati all’INPS per la copertura pensionistica e sanitaria del titolare dell’azienda.
  2. Diritto Camerale:

    • La ditta individuale forfettaria può essere tenuta a versare un diritto camerale annuale, che rappresenta una tassa dovuta alla Camera di Commercio locale per l’iscrizione al Registro delle Imprese.
  3. Imposte di Bollo:

    • Le imposte di bollo possono essere dovute per ogni fattura emessa di importo superiore a una certa soglia stabilita dalla normativa fiscale.

Quali sono i costi variabili del regime forfettario?

I costi variabili della partita IVA forfettaria sono quelli che variano in base al fatturato dell’attività e dipendono dalla tassazione forfettaria del 2024. Questi costi includono:

  • Quota forfettaria: l’imposta sostitutiva è una percentuale del fatturato che viene versata all’erario. L’aliquota è del 15% o del 5% (in caso di nuova attività per i primi cinque anni). Il reddito imponibile varia a seconda del codice ATECO dell’attività svolta.
  • Contributi previdenziali: sono i contributi che devono essere versati all’INPS per la copertura pensionistica e sanitaria. Il versamento dei contributi previdenziali è obbligatorio per tutti i lavoratori autonomi, indipendentemente dal regime fiscale adottato.

Conclusione

In conclusione, i costi della partita IVA forfettaria sono molto contenuti rispetto a quelli di altri regimi fiscali. In linea generale abbiamo visto che l’ammontare dei costi dipende in buona parte dal fatturato, e pertanto è difficile calcolare una quota mensile.

Per quanto riguarda le sole spese per il commercialista, possiamo però affermare che un professionista in forfettario pagherà a partire da 30€ al mese (solo con Consulens!). Una ditta individuale circa il doppio.

Cosa aspetti?

Richiedi una consulenza

Paolo Lombardi
Un servizio super efficiente

Ormai è un anno che Consulens segue la contabilità della mia partita IVA e devo dire che sono molto soddisfatto. Claudio è un commercialista esperto e affidabile. Sono nel regime forfettario e adesso stiamo valutando di passare all’ordinario perché per fortuna le cose vanno bene.

Antonio Cozzolino
Ho aperto Partita IVA

Se è la prima volta che apri la partita IVA, è impossibile trovare di meglio. Consulenti specializzati e disponibili, pronti a risolvere ogni tuo dubbio e veloci nell’assisterti. Consiglio Consulens a tutti quelli che stanno pensando di fare questo passo.

Cliente
Molto Soddisfatto

Ho aperto Partita IVA 5 mesi fa e fino a questo momento mi sono trovato molto bene. Il commercialista è molto disponibile e mi segue a 360°. Quando ho bisogno del suo aiuto è sempre pronto a rispondermi. Consigliatissimo.

Carlo Modica
Professionalità e competenza

Buongiorno, quello che ho potuto apprezzare è l’estrema professionalità e correttezza da parte del professionista in tutte le fasi di dialogo dimostrando con le sue competenze la capacità di poter risolvere i problemi nel minor tempo possibile

Tatiana Menezes
Bravissimo nel guidarti

Bravissimo nel guidarti nella presa di decisioni giusta per il tuo business. Gentili e professionali!

Vittoria Giani
Conosciuti su Facebook

Conosciuti su Facebook.
Oltre l’offerta vantaggiosa della promozione, accertata rapidita’ nella comunicazione, disponibilita’ dello staff e soprattutto competenza.Grazie!

Articoli correlati

Una risposta

  1. Buongiorno, mi chiamo Giovanna Barillari e abito a Pordenone. Dal 2008 lavoro nella Biblioteca Civica della mia città attraverso ditta appaltane e attualmente sono dipendente dalla Soc. Coop. Guarnerio di Udine.
    Dal 2016 collaboro con un liceo cittadino occupandomi della catalogazione dei libri della biblioteca e, dato che la retribuzione annuale non supera i 5.000 euro, non ho avuto bisogno di aprire la partita IVA.
    Ora vorrei partecipare alla selezione di catalogatori sbn esperti del Ministero della cultura. Tra i requisiti richiesti figura l’iscrizione alla partita IVA.
    Vorrei sapere quanto costerebbe questa iscrizione e se, nell’eventualità che non superassi la selezione, potrei annullare l’iscrizione.
    Naturalmente, mi farei seguire dal vostro Studio.

    Cordiali saluti

    Giovanna Barillari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *