fbpx

Maternità e partita IVA: quanto spetta di indennità?

Sei una lavoratrice autonoma con partita IVA e stai per diventare mamma? Ecco a quanto ammonta l’indennità.
maternità partita iva

Contenuti

Quali sono le tutele che spettano alle neo-mamme titolari di partita IVA? Su quale indennità di maternità si può contare quando si ha un’attività autonoma?

Come le lavoratrici dipendenti, anche le donne titolari di partita IVA hanno diritto a particolari tutele quando diventano madri. Continua a leggere per scoprire in cosa consistono, insieme ad alcuni consigli su come armonizzare al meglio l’allargamento della famiglia con la gestione di un’impresa economica.

Ti ricordiamo che i benefici valgono per qualsiasi regime fiscale, quindi anche per le partite IVA forfettarie.

Diritti e benefici per le neo mamme lavoratrici autonome

Le lavoratrici autonome in Italia hanno diritto a una serie di benefici e sostegni durante il periodo di maternità, progettati per aiutarle a gestire l’equilibrio tra la cura dei propri figli e l’attività lavorativa autonoma. Di seguito, esploreremo i principali diritti e benefici a cui le neo mamme lavoratrici autonome hanno accesso, insieme alle procedure e ai requisiti necessari per accedervi.

Le tutele che trovi qui di seguito sono relative alle lavoratrici autonome iscritte alla Gestione Separata INPS. Se sei iscritta a un ordine professionale o sei in regime speciale, e quindi, ad esempio, hai la partita IVA da lavoratrice sportiva o la partita IVA farmacista, ti consigliamo di controllare le regole della tua cassa di previdenza. In genere, però, sono simili a quelle che leggi qui.

Indennità di maternità

Una delle principali forme di sostegno per le neo mamme lavoratrici autonome è l’indennità di maternità. Questa è un’indennità economica erogata dall’INPS durante il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro in occasione della gravidanza e del parto. Per accedere all’indennità di maternità, le lavoratrici autonome devono essere iscritte alla Gestione Separata dell’INPS e aver versato i contributi previdenziali minimi richiesti. La domanda per l’indennità di maternità deve essere presentata all’INPS entro i termini previsti e deve essere accompagnata dalla documentazione richiesta.

L’indennità è riconosciuta per un totale di cinque mesi nella misura dell’80% della retribuzione giornaliera stabilita dalla legge in base al tipo di attività svolta. In caso di gravidanza, puoi ricevere l’indennità per i due mesi che precedono il parto e per i tre mesi successivi. Se si tratta di adozione, ti spetta invece per i cinque mesi successivi all’ingresso in famiglia del figlio o della figlia.

L’indennità è erogata a prescindere dal fatto che ci si astenga o meno dal lavoro. Si può fare domanda entro un anno dalla fine del periodo indennizzabile.

Procedure e requisiti

Per accedere ai benefici sopra descritti, le neo mamme lavoratrici autonome devono seguire le procedure specifiche stabilite dall’INPS e rispettare i requisiti richiesti. Questi requisiti possono includere il versamento dei contributi previdenziali minimi, la presentazione della domanda entro i termini previsti e la documentazione adeguata per attestare la gravidanza e il parto.

Per accedere al servizio bisogna presentare domanda attraverso la pagina dedicata sul sito dell’INPS, cliccando sul pulsante “Utilizza il servizio”.

È rivolta ai lavoratori appartenenti alle seguenti categorie:

  • artigiane;
  • commercianti;
  • coltivatrici dirette;
  • colone;
  • mezzadre;
  • imprenditrici agricole professionali;
  • pescatrici autonome della piccola pesca marittima e delle acque interne. 

Strategie per conciliare gravidanza, maternità e attività lavorativa

La gestione della maternità e dell’attività lavorativa come lavoratrice autonoma richiede una pianificazione oculata, una flessibilità mentale e la capacità di adottare strategie efficaci per bilanciare i molteplici ruoli. Di seguito trovi alcune strategie pratiche per aiutare le neo mamme lavoratrici autonome a gestire con successo la maternità e l’attività lavorativa, preservando il benessere personale e professionale.

Pianificazione anticipata

La pianificazione anticipata è essenziale per gestire con successo la maternità e l’attività lavorativa. In questo frangente, l’organizzazione è più importante che mai. Crea quindi un programma dettagliato che includa scadenze lavorative, impegni personali e momenti dedicati alla cura del bambino. La creazione di una lista delle attività da svolgere può aiutarti a mantenere il focus e a organizzare efficacemente il tempo disponibile.

Delega delle responsabilità

È importante essere disposte a delegare alcune responsabilità lavorative e domestiche durante il periodo di maternità. Questo potrebbe significare assumere collaboratori temporanei per gestire alcune attività lavorative, o coinvolgere il partner, la famiglia o gli amici nella cura del bambino e nelle faccende domestiche. Delegare responsabilità consente alle neo mamme lavoratrici autonome di concentrarsi sulle attività più importanti e di ridurre lo stress di gestire tutto da sole.

Mantenimento dell’equilibrio

Trovare un equilibrio tra lavoro e vita personale è fondamentale per preservare il benessere personale e professionale. Come neo mamma lavoratrice autonoma puoi trarre beneficio dall’adozione di pratiche di autogestione, come l’organizzazione di pause regolari durante la giornata lavorativa, l’attività fisica, la meditazione o lo svago. È importante dedicare del tempo a se stesse e alle proprie esigenze per ricaricare le energie e affrontare al meglio le sfide quotidiane.

Stabilire confini chiari

È cruciale stabilire confini chiari tra lavoro e vita familiare per evitare il burnout e preservare il benessere personale e professionale. Questo potrebbe includere la definizione di orari di lavoro prestabiliti e rispettare tali limiti, la creazione di uno spazio dedicato al lavoro nella propria casa e comunicare chiaramente con clienti e collaboratori riguardo agli orari di disponibilità. Stabilire confini chiari consente alle neo mamme lavoratrici autonome di mantenere una separazione sana tra lavoro e vita personale, migliorando così la qualità della vita e la produttività.

Cosa aspetti?

Richiedi una consulenza

Paolo Lombardi
Un servizio super efficiente

Ormai è un anno che Consulens segue la contabilità della mia partita IVA e devo dire che sono molto soddisfatto. Claudio è un commercialista esperto e affidabile. Sono nel regime forfettario e adesso stiamo valutando di passare all’ordinario perché per fortuna le cose vanno bene.

Antonio Cozzolino
Ho aperto Partita IVA

Se è la prima volta che apri la partita IVA, è impossibile trovare di meglio. Consulenti specializzati e disponibili, pronti a risolvere ogni tuo dubbio e veloci nell’assisterti. Consiglio Consulens a tutti quelli che stanno pensando di fare questo passo.

Cliente
Molto Soddisfatto

Ho aperto Partita IVA 5 mesi fa e fino a questo momento mi sono trovato molto bene. Il commercialista è molto disponibile e mi segue a 360°. Quando ho bisogno del suo aiuto è sempre pronto a rispondermi. Consigliatissimo.

Carlo Modica
Professionalità e competenza

Buongiorno, quello che ho potuto apprezzare è l’estrema professionalità e correttezza da parte del professionista in tutte le fasi di dialogo dimostrando con le sue competenze la capacità di poter risolvere i problemi nel minor tempo possibile

Tatiana Menezes
Bravissimo nel guidarti

Bravissimo nel guidarti nella presa di decisioni giusta per il tuo business. Gentili e professionali!

Vittoria Giani
Conosciuti su Facebook

Conosciuti su Facebook.
Oltre l’offerta vantaggiosa della promozione, accertata rapidita’ nella comunicazione, disponibilita’ dello staff e soprattutto competenza.Grazie!

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *